Specializzare l'offerta alberghiera per soddisfare il segmento delle donne che viaggia da sole per motivi di lavoro

Short Link: http://tsmconsulting.it/a.asp?q=123903

19 Set 2016

I viaggiatori business donna, businesswomen per dirla all’inglese, sono un segmento di mercato sempre più importante perchè i cambiamenti sociali e il ruolo sempre più importante che le donne hanno assunto nel mondo del lavoro negli ultimi decenni hanno fatto aumentare la loro rilevanza come specifico segmento di mercato per l’industria del turismo, con necessità ed esigenze spesso differenti e a volte più specifiche rispetto a quelle dei colleghi uomini. Oggi nel mondo il numero delle donne che viaggiano da sole per motivi di lavoro è praticamente uguale al numero degli uomini, per un totale di viaggi generati e notti strascorse fuori casa che praticamente si equivalgono.  

In realtà, la domanda turistica costituita dalle donne che viaggiano da sole non è un fenomeno recente, e sono già molti i tour operator e agenzie di viaggio (soprattutto straniere) che propongono offerte turistiche leisure appositamente studiate, molte delle quali si concretizzano in pacchetti vacanza che permettono loro di visitare una determinata località scoprendola “con gli occhi di donna”, attraverso esperienze culturali che coinvolgono artiste, fotografe, cuoche, esperte di moda, ecc. che vivono e lavorano nelle diverse località, e che guidano le turiste dal punto di vista esperienziale, attraverso il coinvolgimento nelle più diverse attività che hanno una valenza ludica ma anche di apprendimento.

Se il nostro albergo desidera lavorare attivamente per conquistare e soddisfare il segmento femminile, e soprattutto la parte di questo segmento costituito dalle businesswomen, occorre analizzare nel dettaglio quali sono gli elementi valutati come “critici” al momento della scelta e quelli che maggiormente incidono sulla percezione di qualità del servizio. Numerose ricerche condotte sia negli Stati Uniti che in Europa da università e catene alberghiere concordano che al momento di pianificare e organizzare un viaggio, soprattutto se si tratta di un viaggio di lavoro, le donne che viaggiano da sole vivono una situazione di stress decisamente superiore ai colleghi uomini, e reagiscono in modo meno disteso agli imprevisti che il viaggio e il soggiorno fuori casa può comportare. Un altro aspetto distintivo che risulta logicamente correlato a questo riguarda il momento della prenotazione del trasporto e dell’albergo dove soggiornare: le donne che viaggiano da sole per motivi di lavoro tendono ad effettuare la prenotazione con un anticipo decisamente superiore rispetto a quello dei colleghi uomini, si pensa che questo dipende dal tentare di ridurre in anticipo questo maggiore livello di stress percepito. Il terzo elemento distintivo riguarda la sicurezza, ovvero la propria incolumità personale durante tutte le fasi del viaggio, e anche durante il soggiorno in albergo. Questo aspetto è davvero prioritario, e incide in modo determinante sulla scelta della struttura ricettiva durante i viaggi di lavoro, e questa valutazione tiene in considerazione anche le caratteristiche della location dell’albergo, come ad esempio la sicurezza del quartiere o addirittura della specifica via. Ovviamente è un fattore anche culturale, che varia da paese a paese, e che dipende dalle abitudini di vita in patria. Per esempio, le businesswomen europee percepiscono meno questo rischio rispetto a quelle americane o canadesi, e la preoccupazione per la propria incolumità personale si accentua durante i viaggi in un’altra città e soprattutto all’estero, in modo decisamente correlato con la conoscenza e la reputazione della città e del paese nel quale ci si deve recare.

Da questa breve analisi si possono trarre utili spunti e suggerimenti per introdurre o migliorare i servizi dell’albergo in vista di aumentare le presenze e la soddisfazione delle donne che viaggiano da sole per motivi di lavoro, oltre a comunicare in modo più mirato la propria offerta a questo specifico segmento di mercato.  

TSM Consulting è leader negli studi di mercato che si riferiscono all’analisi delle caratteristiche dei segmenti e delle nicchie di domanda turistica nazionale e internazionale

Scopri le caratteristiche delle nostre analisi di mercato



 

  1. Aumentare la percezione di sicurezza delle clienti che viaggiano da sole

  • Assegnare alle clienti che viaggiano da sole camere situate preferibilmente al primo piano (o comunque al piano sopra la reception), meglio se localizzate nelle immediate prossimità dell’ascensore e non troppo vicino alle uscite di sicurezza, ed evitare sempre di tenere illuminazione soffusa nei corridoi, soprattutto durante la notte

  • Evitare che il personale addetto al ricevimento pronunci a voce alta il numero di camera della cliente al momento del check-in, soprattutto in presenza di altri clienti nelle prossimità. Se le serrature delle porte sono a scheda magnetica, il consiglio è quello di limitarsi a scriverlo sul folder che la contiene, indicandolo alla cliente

  • Accompagnare ogni cliente donna sola nella propria camera, per aiutarla con i bagagli. Una volta arrivati alla camera, entrare insieme a lei per mostrare il funzionamento delle luci, del condizionatore, ecc…ma anche per farle percepire il senso di sicurezza del controllo della camera prima del suo ingresso, comunicando il numero che deve fare per chiamare la reception

  • Se il vostro albergo si trova in una via poco illuminata, il consiglio è quello di prevedere anche la presenza di vigilantes all’ingresso...anche se non c’è quasi mai una reale necessità questo servizio può aumentare la percezione di sicurezza delle clienti, che può influire positivamente sulla soddisfazione delle clienti

  • Suggerire alla cliente di registrare il numero dell’albergo sul cellulare, per qualsiasi necessità dovesse avere quando si trova fuori dalla struttura. Visto che ormai tutti siamo dotati di Whatsapp sui nostri smartphone possiamo creare un canale diretto con gli ospiti molto immediati, attraverso il quale ci possono sempre contattare per avere suggerimenti o informazioni. Si potrebbe pensare di creare una “Lady Line”, ovvero una linea telefonica dedicata esclusivamente alle clienti donne che viaggiano sole. Questo semplice accorgimento aumenterebbe sicuramente il senso di sicurezza e di esclusività della nostra accoglienza


  1. Offrire specifici servizi in linea con le esigenze del target femminile, e in particolare delle businesswomen

  • Il servizio di ristorazione dovrà prevedere la presenza di menù ipocalorici, vegetariani e vegani, e piatti realizzati con ingredienti la cui naturalità è garantita. È consigliabile dare informazioni dettagliate sugli ingredienti utilizzati per la preparazione dei piatti, magari apponendo vicino ad ogni piatto un codice QR grazie al quale possono visualizzare le informazioni sul proprio smartphone. Un’altra cosa molto apprezzata dalle clienti donne è l’indicazione dell’apporto calorico di ogni piatto.

  • Per le clienti business che devono partecipare ad appuntamenti fieristici, nei quali la qualità della ristorazione lascia spesso a desiderare, potrebbero preferire la preparazione di tramezzini o sandwitch che hanno come farcitura ingredienti da qualità che possono portare con loro

  • Il courtesy set presente nei bagni delle camere occupare dalle clienti donne deve essere curato nel dettaglio. Gli shampoo e i bagno schiuma devono essere di alta qualità e a base di prodotti naturali, ed è opportuno prevedere anche prodotti struccanti. Non devono mai mancare le ciabattine e l’accappatoio al posto del telo doccia

  • Uno dei maggiori elementi di stress per le clienti che viaggiano in aereo è legato al rischio dello smarrimento del bagaglio in stiva; è per questo motivo che gradiscono dagli alberghi suggerimenti sui negozi presenti sul territorio dove possono fare acquisti di capi di abbigliamento ed accessori

  • A parte quanto detto al punto precedente è opportuno considerare la possibilità di creare convenzioni con negozi di abbigliamento che garantiscono alle clienti degli sconti sugli acquisti; lo shopping di capi di abbigliamento è un’attività molto apprezzata dalle clienti donne alla fine dell’orario di lavoro

  • Prevedere il servizio di ristorazione in camera per le donne che viaggiano da sole, e che non desiderano cenare al ristorante. Per molte persone, soprattutto donne, cenare da sole è motivo di imbarazzo, di conseguenza questo potrebbe essere un servizio percepito come ad elevato valore aggiunto. È opportuno però avvisare telefonicamente la cliente in camera qualche minuto prima della consegna, in modo che non si trovi impreparata a ricevere l’addetto che effettua il servizio

  • Se il nostro albergo non prevede un’offerta wellness vi consiglio di individuare centri benessere di qualità nelle immediate vicinanze dell’albergo e creare delle partnership. Massaggi o trattamenti wellness sono infatti attività complementari molto apprezzate soprattutto dalle donne che viaggiano sole per motivi di lavoro

  • Incentivare le clienti donne a fermarsi in albergo qualche giorno in più rispetto a quanto previsto dagli impegni lavorativi, costruendo delle proposte dedicate alla famiglia o alla coppia, che possono generare maggiore occupazione durante i fine settimana, momenti nei quali la presenza di ospiti business cala fisiologicamente


  1. Comunicare più efficacemente con il target delle donne che viaggiano sole per motivi di lavoro

  • Comunicare la propria offerta attraverso tutti i canali di comunicazione a disposizione dell’albergo attraverso la definizione del contenuto del messaggio promozionale e delle informazioni sulla struttura e sul territorio sulla base delle specifiche motivazioni e problematiche delle donne che viaggiano da sole

  • Creare pagine del sito Internet dell’albergo con informazioni complete, precise e puntuali sui servizi della struttura e sulle caratteristiche del territorio dove l’albergo è situato dal punto di vista femminile, per fare in modo che le clienti percepiscono la qualità dell’offerta nei loro confronti

  • Affidare l’attività di social media marketing a una collaboratrice della struttura, così che sia una donna a comunicare con le altre donne. Questo senso di condivisione dei valori e di appartenenza potrebbe avere effetti molto positivi sul successo delle diverse campagne

  • Organizzare press tour alla scoperta dei servizi dell’albergo e alle caratteristiche del territorio dedicato a giornaliste di riviste o di portali italiani o stranieri destinati al prevalentemente al pubblico femminile, come ad esempio a quelle che si occupano di moda, di tendenze, ecc...

  • Raccogliere informazioni dettagliate e aggiornate sulle opportunità offerte dal territorio ideali per le donne che viaggiano da sole, e comunicarle giorno per giorno (meglio se al mattino) alle clienti attraverso i diversi strumenti di contatto a disposizione della struttura: il servizio di concierge, la mail, oppure il canale Whatsapp. Dare tutti i giorni opzioni di svago e relax all’insegna della massima sicurezza per le ore successive al lavoro è un ottimo strumento per aumentare il livello di soddisfazione dei clienti. 

Stampa la pagina esporta in PDF Segnala ad un amico
Belloni Federico

Belloni Federico

Consulente senior specializzato nel settore turistico e alberghiero | Professore universitario | Mail: belloni@tsmconsulting.it

Consultor senior especializado en el sector turístico y hotelero | Profesor universitario | Mail: belloni@tsmconsulting-barcelona.com